IN RICORDO DI MATTEO PELLICONE PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Giovedì 18 Febbraio 2016 12:55

- E’ stato inaugurato  il monumento dedicato a Matteo Pellicone presso il Centro Olimpico FIJLKAM di Ostia (Roma) alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò, del Presidente federale Domenico Falcone e delle massime autorità sportive, civili e militari.

Matteo Pellicone è stato per oltre 30 anni guida del Judo, della Lotta e del Karate azzurro oltre che artefice della costruzione del Centro di preparazione olimpica che porta il suo nome. Sotto la sua presidenza sono fioriti campioni olimpici del livello di Ezio Gamba, Pino Maddaloni, Vincenzo Maenza, Giulia Quintavalle, Andrea Minguzzi, Emanuela Pierantozzi e numerosi altri per un totale di 730 medaglie individuali nelle massime competizioni internazionali seniores.

Matteo Pellicone è stato uno dei Presidenti federali più longevi - ha detto nel suo discorso Giovanni Malagò - ma a mio avviso il punto non è quanto dura un Presidente, bensì quanto è capace e Matteo è stato il più capace tra tutti i Presidenti. Questo Centro Olimpico che ha costruito e lasciato in eredità ai suoi atleti e successori lo testimonia. Era un innovatore che ha saputo perseguire i suoi sogni affrontando da sportivo anche le difficoltà e ha costruito una casa che è un unicum per gli sport che egli rappresentava e per lo Sport. Infatti se Roma, come auspichiamo, raggiungerà il suo obiettivo olimpico questo Centro federale sarà uno dei fulcri del sistema di ospitalità e allenamento. Sono orgoglioso di aver conosciuto un Presidente, ma ancor più un uomo della sua levatura.”

Tra le numerose personalità del mondo dello Sport e della politica riunite ad Ostia per l’evento anche il Presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, il Presidente della Federazione Mondiale di Karate Antonio Espinos, il Segretario Generale della United World Wrestling Michel Dusson, il Segretario Generale della Unione Europea di Judo Envic Galea, il Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini, gli alti comandi militari in rappresentanza dei Gruppi Sportivi Militari.

Molto toccante il momento in cui i Campioni olimpici Giulia Quintavalle e Andrea Minguzzi (entrambi oro a Pechino 2008 nel judo e nella lotta) e il Campione del Mondo di karate Luigi Busà hanno rivelato al pubblico il monumento insieme alla vedova Pellicone, Marina. L’opera scultorea in bronzo a cera persa è dell’artista Italo Celli e si aggiunge alle altre conservate presso il Museo degli Sport di Combattimento del Centro Olimpico FIJLKAM di Ostia.

Nel corso della cerimonia è stato presentato anche il libro biografico “Matteo Pellicone: il Presidente” scritto da dal giornalista Vanni Lòriga insieme allo storico Livio Toschi ed edito dalla FIJLAKM.

 
RITORNA IL SEI NAZIONI DI RUGBY PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Martedì 27 Gennaio 2015 14:44

Grande attesa per l'esordio della nazionale italiana di rugby nel Sei Nazioni.

Il primo appuntamento è fissato allo Stadio Olimpico di Roma per il 7 febbraio 2015 quando gli azzurri incontreranno la nazionale d'Irlanda, una squadra che quest'anno si presenta al via più ambiziosa che mai.

A seguire due trasferte consecutive, il 14 febbraio a Londra, al Twickenham Stadium, per sfidare l'Inghilterra in un incontro sempre affascinante per ambientazione ed intensità.

Il 28 febbraio ci ritroveremo invece al Murrayfield Stadium di Edimburgo per un incontro molto atteso, quello con la nazionale di Scozia.

A chiudere ancora due impegni a Roma. Il 15 marzo per Italia-Francia nella più sentita delle sfide e sei giorni dopo (il 21 marzo) per Italia-Galles, in quella che ci auguriamo come una bellissima chiusura.

Allavigilia ogni pronostico appare impossibile. La speranza che il rugby italiano esca a testa alta da questa prestigiosa manifestazione.

 
Torna la Champions League PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Mercoledì 10 Settembre 2014 14:59

Mancava da tempo il calcio che conta a Roma. Finalmente il prossimo 17 settembre 2014 nella bella cornice dello Stadio Olimpico si tornerà a sentire la tradizionalòe colonna sonora che ospita le partite della Champions League. Merito della AS Roma di Pallotta e Garcia che avrà l'opportunità di misurarsi con le migliori squadre d'Europa. Girone di ferro quello capitato ai giallorossi con il Bayern Monaco, il Manchester City ed il CSKA Mosca. Ed il 17 settembre la Roma nella partita d'apertura del girone affronterà proprio la squadra di Mosca.

Un appuntamento da non perdere.

 
IL CIELO COME BANDIERA - Le fografie di Marcello Geppetti PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Martedì 22 Aprile 2014 15:15

Tra la fine degli anni '60 e la prima metà dei '70, avviene un qualcosa di unico e indimenticabile nella più antica squadra di calcio di Roma, la S.S. Lazio. Fino ad allora, aveva avuto nella sua ideale bacheca di vittorie, tanta gloria, tanti illustrissimi e grandissimi giocatori, ma soltanto una Coppa Italia vinta nel 1958.

Nel 1969 viene acquistato Giorgio Chinaglia dall'Internapoli, un centravanti di belle speranze, ma quasi sconosciuto al grande pubblico calcistico.

Nella stagione calcistica 1970-1971, la Lazio del presidente Umberto Lenzini, nonostante i gol di Giorgio Chinaglia retrocede nella serie cadetta e arriva Tommaso Maestrelli, allenatore del Foggia.

Comincia così una delle più belle, indimenticabili, affascinanti, commoventi favole della storia del calcio: la storia della "Banda Maestrelli", un qualcosa di unico e irripetibile che conquistò il calcio italiano di quegli anni.

La Lazio torna in serie A, quindi arriva terza nel campionato 1972-1973 (con il titolo quasi "scippato" nel finale) e diventa campione d'Italia, per la prima volta nella storia della società, nella stagione 1973-1974.

Il resto è storia, tra vittorie, sconfitte, giocatori fortissimi, tra i quali il capitano Giuseppe Wilson, partenze, ritorni e, purtroppo, malattie e momenti drammatici. Il ciclo e la storia di questa favola si chiude il 2 dicembre del 1976 con la scomparsa, dopo una fulminea e drammatica malattia, del principale artefice di questi giorni indimenticabili: Tommaso Maestrelli, seguita dopo appena due mesi dalla tragica morte di uno dei giocatori simbolo di questa squadra da sogno: Luciano Re Cecconi.

Marcello Geppetti è un professionista riconosciuto, stimato e apprezzato e fa parte di quel gruppo di fotografi che negli anni della Dolce Vita crearono uno stile fotografico personale e identificato, in seguito, come opera d'arte dalla critica internazionale.

Negli anni della Lazio di Maestrelli Geppetti cura il settore fotografico del "Momento Sera", testata gloriosa del giornalismo romano, caratterizzata sia per la cura nella scelta delle fotografie sia per essere tra i primi quotidiani a usare il photocolor.

Geppetti, insieme al collega Pietro Brunetti, cura anche il settore sportivo della testata, immortalando le squadre romane di calcio.

Ma Geppetti non è un fotografo qualunque e la sua sensibilità artistica trova terreno fertile nella "poesia" e nella fiaba calcistica della "Banda Maestrelli", che allora padroneggiava in città e che da li a poco sarebbe arrivata ai vertici nazionali.

Da qui nascono immagini stupende, tra le più belle del fotogiornalismo sportivo italiano, tra le quali spicca l'immagine di Giorgio Chinaglia che punta il dito verso la curva sud nel derby Roma-Lazio del 31 marzo 1974, diventata foto simbolo della storia della Lazio.

Non c'erano solo Tommaso Maestrelli e Giorgio Chinaglia, c'erano i calciatori, più o meno forti e più o meno conosciuti, c'erano tutti gli artefici di questa favola indimenticabile: Umberto Lenzini, Renato Ziaco, Antonio Sbardella, Gigi Bezzi, Padre Lisandrini, Bob Lovati, Luigi Trippanera, "Pelè" il magazziniere e tanti, tanti altri...

C'erano loro e c'era l'obbiettivo di Marcello Geppetti a raccontare una fiaba che diventa leggenda, ma ancor di più a raccontare una breve, intensa storia d'amore...

 

Marco Geppetti

 

10, 11 e 12 maggio  2014

IL CIELO COME BANDIERA - Le fotografie di Marcello Geppetti

Dolce Vita Gallery

Via Palermo 41, Roma

orario continuato 11-21

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
NANJING 2014: Accrediti Giochi Olimpici Giovanili Estivi PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Lunedì 24 Marzo 2014 14:29

Sono partite le procedure di accredito per i rappresentanti degli organi di informazione in vista della seconda edizione dei Giochi Olimpici Giovanili Estivi, in programma dal 16 al 28 agosto a Nanchino in Cina. Saranno 28 gli sport presenti nel calendario dell’evento: rispetto a Singapore 2010 entreranno golf e rugby a sette – preludio in ottica Rio 2016 – ed è previsto anche l’inserimento di basket 3 contro 3 e di hockey a 5, oltre ad altri eventi misti – di genere – oltre che di appartenenza ai vari Comitati Olimpici.

Le operazioni saranno gestite online, direttamente dal CIO: i media interessati dovranno registrarsi sul sito del Comitato Olimpico Internazionale entro il 30 aprile 2014. L’OBS si occuperà degli accrediti relativi ai broadcasters.

Accedi al sistema di accreditamento per i media ( https://secure.registration.olympic.org/en/media-registration ). Per maggior informazioni sull’evento http://www.olympic.org/accred2014nanjing

Per completare la procedura con successo è necessario assicurarsi di compilare correttamente tutti i campi, inserire una foto recente e avere il passaporto valido almeno fino al 31 dicembre 2014. L’Accredito per i Giochi (YOAC), insieme al passaporto, sarà valido anche come visto d'ingresso in Cina. Il Comitato Organizzatore invierà le YOAC agli accreditati entro giugno 2014: l’accredito sarà valido da un mese prima dei Giochi al mese successivo alla fine dell’evento. Le informazioni relative all’accomodation dei media saranno disponibili sul sito ufficiale di Nanchino 2014 fino al 16 giugno 2014 ( http://www.nanjing2014.org ). Altre informazioni, relative ai ai trasporti e al Centro Stampa, saranno comunicate successivamente

 
«InizioPrec.12345Succ.Fine»

Pagina 1 di 5
Banner

www.ussiroma.it

Sito Ufficiale del GRUPPO ROMANO GIORNALISTI SPORTIVI 
Comitato di gestione: Jacopo Volpi, Gianfranco Tobia, Mauro De Cesare, Giacomo Carioti 
Sito a cura di Daniele Carioti
 

Avviso ai Soci

Il Consiglio Direttivo di Ussiroma invita tutti i propri associati che non siano ancora in possesso delle nuove tessere nazionali dell’Ussi munite di fotografia di compilare l’allegato modulo in ogni sua parte e di inviarlo via mail all'indirizzo


segreteria@ussiroma.com

unitamente ad una fotografia formato tessera. Una volta ricevuti modulo e fotografia sarà cura della Segreteria di Ussiroma di far avere agli associati la nuova tessera dell’Ussi.

Si invitano gli associati a provvedere con la massima sollecitudine.  


Ricerca