IL CIELO COME BANDIERA - Le fografie di Marcello Geppetti PDF Stampa E-mail
Scritto da GRGS   
Martedì 22 Aprile 2014 15:15

Tra la fine degli anni '60 e la prima metà dei '70, avviene un qualcosa di unico e indimenticabile nella più antica squadra di calcio di Roma, la S.S. Lazio. Fino ad allora, aveva avuto nella sua ideale bacheca di vittorie, tanta gloria, tanti illustrissimi e grandissimi giocatori, ma soltanto una Coppa Italia vinta nel 1958.

Nel 1969 viene acquistato Giorgio Chinaglia dall'Internapoli, un centravanti di belle speranze, ma quasi sconosciuto al grande pubblico calcistico.

Nella stagione calcistica 1970-1971, la Lazio del presidente Umberto Lenzini, nonostante i gol di Giorgio Chinaglia retrocede nella serie cadetta e arriva Tommaso Maestrelli, allenatore del Foggia.

Comincia così una delle più belle, indimenticabili, affascinanti, commoventi favole della storia del calcio: la storia della "Banda Maestrelli", un qualcosa di unico e irripetibile che conquistò il calcio italiano di quegli anni.

La Lazio torna in serie A, quindi arriva terza nel campionato 1972-1973 (con il titolo quasi "scippato" nel finale) e diventa campione d'Italia, per la prima volta nella storia della società, nella stagione 1973-1974.

Il resto è storia, tra vittorie, sconfitte, giocatori fortissimi, tra i quali il capitano Giuseppe Wilson, partenze, ritorni e, purtroppo, malattie e momenti drammatici. Il ciclo e la storia di questa favola si chiude il 2 dicembre del 1976 con la scomparsa, dopo una fulminea e drammatica malattia, del principale artefice di questi giorni indimenticabili: Tommaso Maestrelli, seguita dopo appena due mesi dalla tragica morte di uno dei giocatori simbolo di questa squadra da sogno: Luciano Re Cecconi.

Marcello Geppetti è un professionista riconosciuto, stimato e apprezzato e fa parte di quel gruppo di fotografi che negli anni della Dolce Vita crearono uno stile fotografico personale e identificato, in seguito, come opera d'arte dalla critica internazionale.

Negli anni della Lazio di Maestrelli Geppetti cura il settore fotografico del "Momento Sera", testata gloriosa del giornalismo romano, caratterizzata sia per la cura nella scelta delle fotografie sia per essere tra i primi quotidiani a usare il photocolor.

Geppetti, insieme al collega Pietro Brunetti, cura anche il settore sportivo della testata, immortalando le squadre romane di calcio.

Ma Geppetti non è un fotografo qualunque e la sua sensibilità artistica trova terreno fertile nella "poesia" e nella fiaba calcistica della "Banda Maestrelli", che allora padroneggiava in città e che da li a poco sarebbe arrivata ai vertici nazionali.

Da qui nascono immagini stupende, tra le più belle del fotogiornalismo sportivo italiano, tra le quali spicca l'immagine di Giorgio Chinaglia che punta il dito verso la curva sud nel derby Roma-Lazio del 31 marzo 1974, diventata foto simbolo della storia della Lazio.

Non c'erano solo Tommaso Maestrelli e Giorgio Chinaglia, c'erano i calciatori, più o meno forti e più o meno conosciuti, c'erano tutti gli artefici di questa favola indimenticabile: Umberto Lenzini, Renato Ziaco, Antonio Sbardella, Gigi Bezzi, Padre Lisandrini, Bob Lovati, Luigi Trippanera, "Pelè" il magazziniere e tanti, tanti altri...

C'erano loro e c'era l'obbiettivo di Marcello Geppetti a raccontare una fiaba che diventa leggenda, ma ancor di più a raccontare una breve, intensa storia d'amore...

 

Marco Geppetti

 

10, 11 e 12 maggio  2014

IL CIELO COME BANDIERA - Le fotografie di Marcello Geppetti

Dolce Vita Gallery

Via Palermo 41, Roma

orario continuato 11-21

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Banner

www.ussiroma.it

Sito Ufficiale del GRUPPO ROMANO GIORNALISTI SPORTIVI 
Comitato di gestione: Jacopo Volpi, Gianfranco Tobia, Mauro De Cesare, Giacomo Carioti 
Sito a cura di Daniele Carioti
 

Avviso ai Soci

Il Consiglio Direttivo di Ussiroma invita tutti i propri associati che non siano ancora in possesso delle nuove tessere nazionali dell’Ussi munite di fotografia di compilare l’allegato modulo in ogni sua parte e di inviarlo via mail all'indirizzo


segreteria@ussiroma.com

unitamente ad una fotografia formato tessera. Una volta ricevuti modulo e fotografia sarà cura della Segreteria di Ussiroma di far avere agli associati la nuova tessera dell’Ussi.

Si invitano gli associati a provvedere con la massima sollecitudine.  


Ricerca